Selvaggina on line
Selvagginaonline

martedģ 26 settembre 2017
Selvaggina On Line

Sezioni

Home
Mercato On Line
News
Articoli - Tecnica
Specie
Patologie
Come fare...
Appuntamenti
Pubblicitą
Links
E-cards
Photo Gallery

 Aziende

Allevamenti
Faunistico-Venatorie
ATC

Attrezzature

Incubatrici
Mangimi
Integratori
Accessori

Tempo

Cartina d'italia
Satellite

Mailing List

la tua e-mail


Area Utenti

utente
password
non sei registrato?registrati č gratis

 

Come fare...

Il mercato della piccola selvaggina a scopo alimentare

 

a cura di Maurizio Arduin (Veneto Agricoltura)

La piccola selvaggina (in special modo fagiani e anatre) possono anche essere destinati all’allevamento a scopo alimentare. Alcuni allevamenti poi pratica anche il mercato misto vendendo cioč fagiani sia per attivitą venatoria che a scopo alimentare specialmente nel periodo di fine anno. Specialmente in questo periodo (mucca pazza, afta, ecc.) il consumatore richiede sempre pił prodotti alternativi ricercando anche la qualitą, la salubritą e la freschezza. Quest’ultima caratteristica puņ essere considerata poi come la capacitą dell’alimento di trasmettere quella “vitalitą residua” ancora presente nelle carni fresche e che spingeva, nell’antichitą, i cacciatori a cibarsi subito del fegato della loro preda proprio per appropriarsi della vita dell’animale. Genuinitą e salubritą possono pertanto essere presenti nelle carni della piccola selvaggina allevati in voliere aperte mentre la freschezza č garantita dalla macellazione diretta da parte dell’allevatore.

Molto spesso la vendita di queste carni viene fatta in maniera abusiva perché l’allevatore č convinto che un mercato “regolare” non sia possibile per le piccole e medie imprese agricole o che i costi siano eccessivi. Oggi invece grazie a norme comunitarie e nazionali č possibile macellare direttamente la piccola selvaggina a penna e le possibilitą di mercato sono molto interessanti.
Quando la vendita annuale di animali macellati č inferiore a 10.000 capi e questi sono ceduti in piccole quantitą (100-300 capi alla settimana) le carni di selvatici a penna(1) possono essere macellate in azienda e vendute direttamente al consumatore finale oppure(4):

  • sul mercato settimanale pił vicino all’azienda;
  • ad un dettagliante (macelleria, supermercato, ecc.) per la vendita diretta al consumatore;

  • a ristoranti;

  • ad ospedali;

  • a mense ed altre collettivitą analoghe.


Per quanto riguarda i punti 2, 3, 4 e 5 vengono considerati solo quelli situati nel territorio della stessa azienda USL di produzione(4).

Nel caso in cui i prodotti derivanti dall’allevamento aziendali di selvatici a penna vengono venduti, in parte o totalmente, presso negozi al dettaglio, tali carni(4) dovranno essere mantenute separate ed essere chiaramente identificabili con l’apposizione di un cartello riportante la dicitura “carni macellate nell’azienda di produzione”. Infine le singole carcasse devono essere identificabili con una etichetta riportante la ragione sociale e la sede dell’azienda agricola nonché la dicitura <<art. 4 D.P.R. n. 45971997>>.

Normativa di riferimento:

(1) D.P.R. 10 dicembre 1997, n. 495 (regolamento recante norme di applicazione della direttiva 92/116/CEE che modifica la direttiva 71/118/CEE relativa ai problemi sanitari in materia di produzione e immissione sul mercato di carni fresche di volatili da cortile) pubblicato nella Gazz. Uff. 26 gennaio 1998, n. 20.

(2) Legge 30 aprile 1962, n. 283 (Modifica degli artt. 242, 243, 247, 250, e 266 del T.U. delle leggi sanitarie approvato con R.D. 27 luglio 1934, n. 1265: Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanza alimentari e delle bevande) pubblicata nella Gazz. Uff. 4 giugno 1962, n. 139.

(3) D.P.R. 30 dicembre 1992, n. 559 (Regolamento per l’attuazione della direttiva 91/495/CEE relativa ai problemi sanitari e di polizia in materia di produzione e commercializzazione di carni di coniglio e selvaggina) pubblicata nella Gazz. Uff. 4 febbraio 1993, n. 28.

(4) Circolare del Ministero della Sanitą 8 giugno 1999, n.9 (linee di indirizzo per l’applicazione del decreto del Presidente della Repubblica 10 dicembre 1997, n. 495, concernente la produzione e l’immissione sul mercato di carni fresche di volatili da cortile e del decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1962, n. 559, per quanto concerne la produzione di carni fresche di conigli e selvaggina allevata da penna) pubblicata nella Gazz. Uff. 19 luglio 1999, n. 167.

Come fare...|top

 


 

 Articoli - Tecnica


Dr. Jim Clary Manzano Valley Pheasantry

I FAGIANOTTI - LE PRIME CURE


Dr. Marco Fontanelli Medico Veterinario

RACCOLTA, CONSERVAZIONE E DISINFEZIONE DELLE UOVA DI FAGIANA

 News


Dott. Maurizio Arduin

E' online il nuovo sito sulla biodiversitą


Indagini popolazione di lepri della Provincia di Grosseto

Monitoraggio sanitario e valutazione dei parametri ecologici

 Patologie


Da Dr. Tom W. Smith

MALATTIE VIRALI - DIFTERO-VAIOLO AVIARE


Da A Manual of POULTRY DISEASES

PRINCIPI DI PATOLOGIA AVIARE
    footer