Selvaggina on line
Selvagginaonline

marted 26 settembre 2017
Selvaggina On Line

Sezioni

Home
Mercato On Line
News
Articoli - Tecnica
Specie
Patologie
Come fare...
Appuntamenti
Pubblicit
Links
E-cards
Photo Gallery

 Aziende

Allevamenti
Faunistico-Venatorie
ATC

Attrezzature

Incubatrici
Mangimi
Integratori
Accessori

Tempo

Cartina d'italia
Satellite

Mailing List

la tua e-mail


Area Utenti

utente
password
non sei registrato?registrati gratis

 

Come fare...

Come realizzare un allevamento per lepri

 

a cura di Maurizio Arduin (Veneto Agricoltura)

L'allevamento della lepre ha sempre suscitato l'interesse di molti allevatori ma molto spesso i risultati non sono stati tali da consentire una reale diffusione di questa pratica. L'esperienza acquisita nella sperimentazione di questo allevamento rende oggi possibile dare delle indicazioni razionali su come avviare correttamente un allevamento di lepre. Innanzitutto necessario acquisire le necessarie autorizzazioni e poi individuare una zona idonea per l'impianto.

Le autorizzazioni necessarie
La selvaggina patrimonio indisponibile dello stato e pertanto la sua detenzione soggetta ad autorizzazione delle autorit competenti. Per quanto riguarda i selvatici oggetto di caccia l'autorizzazione deve essere richiesta presso l'Ufficio Caccia dell'Amministrazione Provinciale competente per territorio. La modulistica per tale richiesta varia da provincia a provincia ma in genere queste sono le indicazioni necessarie:

  • deve essere indicato il titolare dell'allevamento e l'indirizzo esatto dell'impianto;
  • deve essere presentata una planimetria che indichi il luogo preciso dell'allevamento;
  • deve essere indicato se l'allevamento viene fatto a scopo amatoriale (in genere meno di 30 capi/anno) o per attivit faunistiche o da reddito: in genere pi di 30 cali all'anno;
  • deve essere possibile dimostrare l'acquisto del primo gruppo di riproduttori presso un allevamento autorizzato.

Scelta del luogo d'allevamento
Deve essere preferito un terreno situato in una zona tranquilla dove gli animali siano disturbati il meno possibile e lontano dal traffico delle strade. L'ambiente prescelto deve essere quindi recintato con una rete metallica alta almeno 2 metri. Scopo della recinzione quello di tenere lontano i curiosi che potrebbero, anche involontariamente, disturbare gli animali. La recinzione indicata poi anche per proteggere l'allevamento dalle visite dei predatori che possono essere anche gatti domestici, cani, volpi, ecc.
Per maggiore sicurezza la recinzione dovr essere dotata di una idonea protezione "antiscavalcamento" (recinzione antigatto) realizzata nella parte superiore della recinzione e costituita dallo sporgere, verso l'esterno, di una parte della stessa. 

Un ulteriore vantaggio viene garantito anche da una protezione elettrica a basso voltaggio sufficiente per scoraggiare i tentativi di scavalcamento da parte di mammiferi domestici e selvatici.
La zona deve poi disporre di un adeguato approvvigionamento idrico sia per i fabbisogni degli animali che per le necessarie pulizie e disinfezioni.
La possibilit poi di disporre di un locale per il deposito degli alimenti, delle casse di trasporto e delle altre attrezzature render l'attivit molto pi comoda.
Le gabbie saranno disposte all'aperto per consentire la massima ventilazione agli animali: consigliata comunque la presenza di una naturale ombreggiatura costituita preferibilmente dalle fronde di piante a foglie caduche che oltre a fornire un ristoro estivi garantiscono anche una sufficiente insolazione nei mesi invernali.
La superficie del terreno dovr essere tale da consentire la sistemazione delle gabbie e una sufficiente possibilit di movimento tra le file. Le gabbie inoltre devono essere sistemate ad un'adeguata distanza tra loro al fine di garantire un adeguato isolamento sanitario ed eliminare gli stress causati da un'eccessiva concentrazione di animali. La distanza tra la prima file di gabbie e la recinzione deve inoltre essere tale (3-5 m.) da garantire la massima tranquillit.
Infine per garantire idonee condizioni sanitarie l'allevamento deve essere separato da altri allevamenti specialmente se di conigli domestici.


Come fare...|top

 


 

 Articoli - Tecnica


Dr. Jim ClaryManzano Valley Pheasantry

I FAGIANOTTI - LE PRIME CURE


Dr. Marco Fontanelli Medico Veterinario

RACCOLTA, CONSERVAZIONE E DISINFEZIONE DELLE UOVA DI FAGIANA

 News


Dott. Maurizio Arduin

E' online il nuovo sito sulla biodiversit


Indagini popolazione di lepri della Provincia di Grosseto

Monitoraggio sanitario e valutazione dei parametri ecologici

 Patologie


Da Dr. Tom W. Smith

MALATTIE VIRALI - DIFTERO-VAIOLO AVIARE


Da A Manual of POULTRY DISEASES

PRINCIPI DI PATOLOGIA AVIARE
    footer
_____________
- Soluzioni per l'e-business. All rights reserved.
L'utilizzo di qualsiasi tipo di materiale presente su selvagginaonline.it 蠣onsentito solo previa autorizzazione scritta da parte della redazione.

Michael Kors Borse Hermes Borse Fendi Borse Balenciaga Borse nike free run Michael Kors Väskor Louis Vuitton Väskor balenciaga borse gucci scarpe ルイヴィトン バッグ モンクレール ダウン ミュウミュウ バッグ グッチ バッグ グッチ 財布 プラダ バッグ マイケルコース バッグ Michael Kors Schweiz